CIVITANOVA SI IMPONE 1-3 NELLA FINALE PER IL TERZO POSTO

CIVITANOVA SI IMPONE 1-3 NELLA FINALE PER IL TERZO POSTO
Il match tra le sconfitte delle semifinali di Supercoppa è della Lube in quattro set. Partenza a razzo per i Block Devils, poi escono gli ospiti con Perugia molto fallosa in particolare al servizio. 24 i punti di Atanasijevic. Alcuni miglioramenti rispetto al match di ieri, manca ancora continuità. Da domani si pensa al campionato con l’esordio domenica prossima in casa con Latina

Si chiude con il quarto finale la Final Four di Supercoppa per la Sir Safety Conad Perugia che cede in quattro set nella finale di consolazione alla Cucine Lube Civitanova.

 

Non certo il risultato sperato alla vigilia per i Block Devils che stasera hanno messo in evidenza alcuni miglioramenti nel gioco e nei fondamentali, peccando però ancora in continuità e soprattutto nella gestione degli errori diretti (38 alla fine di cui ben 27 dalla linea dei nove metri).

Peccato perché nel primo set la squadra aveva espresso la faccia migliore di questi due giorni con l’attacco su altissimi livelli (69% di squadra). Poi il match si è fatto più equilibrato con la Lube uscita alla distanza e con la Sir che, pur restando sempre attaccata alla partita, non è riuscita ad avere il guizzo vincente nelle calde fasi finali.

24 i punti per Atanasijevic, best scorer del match. L’opposto serbo ha disputato un match ottimo chiudendo con il 71% in attacco e ben 6 muri vincenti (dei 10 totali di squadra). Doppia cifra anche per Leon e Lanza (rispettivamente 13 ed 11 palloni vincenti) e positivo esordio per il giovane Galassi al centro, mentre dall’altra parte della rete sugli scudi il duo cubano Leal-Simon (entrambi hanno chiuso con 17 punti).

Chiusa la parentesi del Pala Barton, Perugia si tuffa ora sulla stagione di Superlega e sull’esordio di domenica prossima sempre a Pian di Massiano contro Latina. Ma soprattutto, come ha detto a fine match lo stesso coach Lorenzo Bernardi, per i Block Devils comincia il lavoro di costruzione tecnica e tattica. Un lavoro di crescita fondamentale per creare sicurezze ed automatismi e per far emergere le tantissime potenzialità di questo gruppo.

IL MATCH

 

Formazione tipo per Bernardi, mentre nelle file marchigiane ci sono Massari e Diamantini nei sette di partenza. Avvio equilibrato con entrambe le squadre molto fallose dai nove metri. Il primo break lo piazza Atanasijevic con contrattacco ed ace (8-5). Leon chiude il punto del 10-6. Bella la pipe di Lanza poi ace di Leon (13-8). Due muri in fila per i Block Devils (15-8). Perugia mantiene il vantaggio, nonostante il tentativo di rimonta operato dalla Lube. Anzi allunga approfittando dell’errore in attacco di Stankovic (22-14). Maniout di Lanza e set point Sir (24-15). Chiude l’errore al servizio di Simon (25-16).

È punto a punto l’inizio della seconda frazione con Atanasijevic che piazza il maniout del 3-3. Break dei padroni di casa con Ricci (anche un ace) al servizio e con Atanasijevic concreto a muro (7-3). Accorcia Simon (7-5). Si torna in parità a quota 10 dopo un paio di errori diretti dei bianconeri, poi Leal in contrattacco manda avanti i suoi (10-11). Civitanova accumula due lunghezze di vantaggio (14-16). Perugia non trova in questa fase continuità nel gioco e ne approfitta il neo entrato Sokolov che mette a terra il pallone del 18-22. È lo strappo decisivo con l’errore al servizio di Lanza che rimette le cose in equilibrio (21-25).

Equilibrio massimo nel terzo set. Le due squadre se la giocano a viso aperto e nessuna delle due riesce a prendere il largo (12-12). Ancora una di qua ed una di là con Podrascanin che chiude il primo tempo del 16-16. Ace di Bruno e +2 Lube (16-18). Il muro di Atanasijevic impatta, quello del neo entrato Galassi firma il sorpasso perugino (20-19). Ace di Stankovic e nuovo capovolgimento di fronte (20-21). Leon mette il maniout (21-21), stessa soluzione per Simon e Lanza (22-22). Out stavolta l’opposto Lube (23-22). Civitanova capovolge ancora con l’ace di Leal (23-24). Ancora Leal, stavolta in pipe, chiude 23-25.

È un’altalena l’avvio di quarta frazione. Prima strappo Lube con Simon (1-4), poi strappo Sir con tre muri consecutivi (6-5), poi ancora avanti gli ospiti con Leal (7-9). Leon in contrattacco firma l’ennesimo pari (10-10). Muro vincente di Diamantini (13-14). Ancora un break per Civitanova con Simon (14-16). Leon ed Atanasijevic ristabiliscono l’equilibrio (16-16), poi il muro di Ricci firma il sorpasso (17-16). Leon mette a terra il contrattacco,

con la collaborazione del nastro (20-18). Ace di Cester (20-20). Fischiata invasione al muro bianconero (20-21). Leon non ci sta (21-21). Gli ospiti arrivano al doppio match point (22-24). Atanaisjevic annulla il primo (23-24). Chiude la pipe di Leal (23-25).

IL TABELLINO

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – CUCINE LUBE CIVITANOVA 1-3

Parziali: 25-16, 21-25, 23-25, 23-25

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 1, Atanasijevic 24, Podrascanin 7, Ricci 6, Leon Venero 13, Lanza 11, Colaci (libero), Piccinelli, Galassi 5, Della Lunga, Hoogendoorn. N.E.: Seif, Berger. All. Bernardi, vice all Fontana.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Bruno 2, Simon 17, Diamantini 4, Stankovic 6, Leal 17, Massari 3, Balaso (libero), Sokolov 2, D’Hulst, Sander, Cester 2. N.e.: Cantagalli, Marchisio (libero), Juantorena. All. Medei, vice all. Camperi.

Arbitri: Marco Braico – Gianluca Cappello

LE CIFRE – PERUGIA: 27 b.s., 5 ace, 42% ric. pos., 29% ric. prf., 59% att., 10 muri. CIVITANOVA: 18 b.s., 4 ace, 39% ric. pos., 23% ric. prf., 50% att., 7 muri.