Semifinale Champions League 2018

Semifinale Champions League 2018
3 - 0
Finale

I Block Devils perdono in volata il primo set di fronte ai settemila della Basket Hall, poi cadono sotto i colpi del servizio russo. Leon e Mikhailov risultano micidiali, Atanasijevic chiude con 12 palloni vincenti. Domani alle 15 italiane la sfida allo Zaksa per salire comunque sul podio

Dettagli

Data Ora League Stagione Giornata
12 maggio 2018 18:00 2018 CEV Champions League Stagione 2017-18 Semifinale

Risultati

Squadra1º Set2º Set3º SetFinaleEsito
Zenit KAZAN2525253Vinto
Sir Colussi Sicoma Perugia2220200Perso

Zenit KAZAN

Posizione B.S. B.P. Ric.Pos. Ric.Prf Attacco Muri Punti
 0000000

Sir Colussi Sicoma Perugia

Posizione B.S. B.P. Ric.Pos. Ric.Prf Attacco Muri Punti
 0000000

Riepilogo

Semifinale Champions League 2018

2018 CEV Champions League

KAZAN (RUS) – Non riesce il colpo grosso alla Sir Colussi Sicoma Perugia.

I tricampioni in carica dello Zenit Kazan si confermano formazione fenomenale, vincono 3-0 la semifinale e raggiungono con merito la finale di Champions League. Per i Block Devils invece domani sfida ai polacchi dello Zaksa (si comincia alle ore 15 italiane) per un terzo e quarto posto comunque importante per salire sul podio della manifestazione e chiudere con una vittoria una stagione lo stesso storica.

I settemila della Basket Hall, tra cui una quarantina di Sirmaniaci, spingono forte la formazione di Alekno che trova nel servizio (10 gli ace alla fine) e nell’attacco (56% complessivo, 73% nel secondo set) delle armi micidiali con i due principali terminali offensivi Leon e Mikhailov (rispettivamente 19 e 18 punti) sugli scudi.

I ragazzi di Bernardi ci hanno provato, in particolare nel primo parziale perso di una incollatura, pagando una incisività limitata rispetto al solito dai nove metri (3 gli ace) e sotto rete (44% di squadra in attacco). Atanasijevic con 12 punti è il miglior realizzatore dei suoi, ben spalleggiato da Zaytsev (64% in attacco) e da un Podrascanin ottimo a muro (5 i punti del centrale serbo nel fondamentale). Quello che è mancato stasera ai bianconeri, al netto della forza d’urto a tratti impressionante di Kazan, è stata forse un po’ di coraggio ed aggressività anche se è chiaro che giocare spesso sotto nel punteggio contro la corazzata russa non è davvero semplice.

La sconfitta di stasera nulla toglie alla meravigliosa stagione dei Block Devils chiamati domani ad una prestazione importante che porterebbe Perugia per la seconda volta consecutiva sul podio della Champions. Soddisfazione che questi ragazzi, encomiabili per tutto l’anno, si meritano davvero.

 

IL MATCH

Formazione tipo per Bernardi al fischio d’inizio. È il muro del Kazan il protagonista dei primi palloni del match (2-4). Altri due per i padroni di casa con Leon (2-6). Invasione di Butko, poi attacco out di Leon (5-6). Si riscatta con l’ace il martello cubano (5-8). Break per Perugia con un altro attacco out di Leon, poi maniout di Atanasijevic e parità (8-8). Fuori Anderson, vantaggio bianconero (10-9). Il muro di Kazan ferma ancora Russell (11-12). Dentro Berger. Leon dà il doppio vantaggio ai suoi, poi attacco out di Atanasijevic (11-14). Fuori Mikhailov (13-14). Ace di Atanasijevic e nuova parità (15-15). Mikhailov tiene avanti i suoi al secondo timeout tecnico (15-16). Leon mette tre ace di fila e piazza il break (16-20). Ancora il cubano, stavolta in pipe (17-22). Atanasijevic ferma a muro Anderson, poi Zaytsev chiude il contrattacco (20-22). Fuori il servizio di Zaytsev, tre set point Kazan (21-24). Atanasijevic annulla il primo, poi attacca out il pallone successivo e chiude il set (22-25).

Torna Russell nel secondo parziale. Subito avanti Kazan con una dubbia invasione aerea fischiata a de Cecco e con l’ace di Samoylenko (1-4). Distanze invariate al timeout tecnico con Perugia che sistema il cambio palla senza però riuscire a fermare gli attaccanti di palla alta avversari (5-8). +5 Kazan con due contrattacchi vincenti di Mikhailov che costringono Bernardi al timeout discrezionale (7-12). Ace di Russell (10-13), poi doppio ace di Leon (10-16). Kazan è infallibile in questa fase (12-20). Perugia riprende ritmo in cambiopalla (16-22). Kazan arriva al set point con Volvich (18-24). Perugia annulla i primi due con il muro di Podrascanin (20-24). Al terzo chiude Mikhailov (20-25).

C’è Berger nei sette di partenza bianconeri del terzo set. 3-1 Perugia in avvio con il muro vincente di Podrascanin. Fuori Berger e parità (3-3). La pipe di Leon porta avanti i suoi (5-6). Invasione russa, i Block Devils rimettono la testa avanti (7-6). Atanasijevic tiene botta da posto due poi attacco out di Mikhailov (10-8). Smash di Volvich e parità (10-10). Mette anche due ace Volvich e manda avanti Kazan (13-15). Incomprensione tra De Cecco e Podrascanin poi punto in contrattacco di Leon ed ace di Anderson (15-20). Leon è una furia (17-23). Il match point arriva con Volvich (19-24). Chiude Butko (20-25).

 

IL TABELLINO

SIR SICOMA COLUSSI PERUGIA – ZENIT KAZAN 0-3
Parziali: 22-25, 20-25, 20-25

SIR COLUSSI SICOMA PERUGIA: De Cecco, Atanasijevic 12, Podrascanin 7, Anzani 4, Russell 2, Zaytsev 7, Colaci (libero), Berger 4, Siirila, Shaw. N.e.: Della Lunga, Ricci, Cesarini (libero), Andric. All. Bernardi, vice all Fontana.

ZENIT KAZAN: Butko 1, Mikhailov 18, Volvich 7, Samoylenko 3, Anderson 6, Leon 19, Verbov (libero). N.e.: Yudin, Pantaleymonenko, Alekseev, Kononov, Krotkov (libero), Gutsalyuk. All. Alekno, vice all. Serebrennikov.

Sede di gioco

Baskethall Kazan
Spartakovskaya Ulitsa, 1, Kazan, Respublika Tatarstan, Russia, 420107