“ROMPETE LE RIGHE” PER LA SIR SAFETY CONAD PERUGIA!

“ROMPETE LE RIGHE” PER LA SIR SAFETY CONAD PERUGIA!
La squadra è rientrata in serata da Kazan con la medaglia di bronzo della Champions League al collo. Ad attendere i Block Devils, dopo un viaggio più lungo del previsto, una cinquantina di Sirmaniaci per l’ultimo saluto stagionale ai propri beniamini

È scattato il “rompete le righe” per la Sir safety Conad Perugia.

A partire da oggi ed a seguire nel giro di pochissimi giorni i Block Devils lasceranno Perugia. Molti raggiungeranno praticamente subito le proprie nazionali perché la stagione internazionale è già partita (Alexander Berger, tanto per dirne uno, sabato difenderà i colori della nazionale austriaca), il resto tornerà a casa per un po’ di meritato riposo dopo una stagione massacrante dal punto di vista fisico e mentale, ma invece spettacolare per i risultati ottenuti con lo storico triplete in campo nazionale Supercoppa-Coppa Italia-Scudetto e con il fresco bronzo conquistato domenica a Kazan nella Final Four di Champions League.

Ieri sera la squadra ha fatto rientro in città proprio dalla Russia al termine di un viaggio più lungo del previsto con scalo a Roma. Ma questo non ha scoraggiato una cinquantina di Sirmaniaci che hanno atteso pazientemente l’arrivo del pullman bianconero a Perugia per le ultime foto e gli ultimi saluti stagionali ai propri beniamini. Un gesto particolarmente apprezzato da Lorenzo Bernardi e dai suoi ragazzi che hanno sentito ancora una volta tutto il calore del tifo organizzato perugino, una constante ed un valore aggiunto di tutta questa stagione.

Va dunque definitivamente in archivio l’anno sportivo 2017-2018. Un anno che nessuno potrà mai dimenticare certamente per i grandi successi (i primi di questa società) ottenuti sul campo. Ma anche per tutte le grandi emozioni provate, quelle che ti restano dentro, quelle che, magari tra dieci anni, ricorderai con gli amici.

La palla passa ora alla lunga estate del mercato perché è già tempo di programmare la prossima stagione. Ma questa appena terminata resterà marchiata a fuoco perché, come cita un noto proverbio argentino proveniente dal mondo del tango, “nessuno ci potrà togliere quello che abbiamo ballato”!