VINCE 3-0 TRENTO. SI VA ALLA BELLA

VINCE 3-0 TRENTO. SI VA ALLA BELLA
La Diatec, nel sold out della BLM Group Arena, si aggiudica con merito gara 4 di semifinale scudetto e rimanda il verdetto a giovedì al PalaEvangelisti. I Block Devils mancano in fase break e nei momenti topici dei tre set. Per andare in finale scudetto, dove aspetta Civitanova, servirà gara 5

È della Diatec Trentino gara 4 di semifinale scudetto.

Gli uomini di Lorenzetti piazzano una prestazione di altissimo livello e, nel sold out della BLM Group Arena, si aggiudicano con merito il quarto atto della serie che dà un posto in finale scudetto.

Sarà dunque gara 5 a decidere. Si gioca giovedì sera alle ore 20:30 al PalaEvangelisti con il pubblico perugino chiamato a spingere la Sir Safety Conad Perugia all’atto conclusivo della Superlega, dove aspetta Civitanova vincente stasera a Modena.

Ci vorrà, come è logico che sia, una Perugia diversa da quella vista stasera. In primo luogo nell’approccio al match. Quanto possa aver pesato la trasferta di Novosibirsk nelle teste e nelle gambe dei ragazzi è esercizio mentale inutile e tedioso che a poco serve. Quello che adesso è importante per i bianconeri è recuperare mentalmente e fisicamente in vista di giovedì e lavorare per correggere quelle situazioni di gioco e quegli aspetti tecnici che stasera non hanno funzionato. Come la battuta, arma fondamentale per Perugia che invece stasera quasi mai (eccetto un turno di Anzani nella fase iniziale del terzo set) è riuscita a mettere in difficoltà la linea di ricezione trentina. Anche l’attacco di Perugia ha funzionato a corrente alternata (il solo Podrascanin si è mantenuto su buoni livelli di rendimento con il 75%). Merito certamente del muro e della difesa avversari, ma frutto anche di una giornata non certo delle migliori dei frombolieri bianconeri. I tentativi di Bernardi di variare le cose dalla panchina (nel terzo set modulo a tre schiacciatori con Berger in campo per Atanasijevic) non sono riusciti a far cambiare l’inerzia del match con il mani out di Hoag che ha chiuso a favore della Diatec.

Ma questi sono i playoff e recriminare non serve a nulla. E proprio i playoff concedono a capitan De Cecco e compagni un’altra possibilità. Giovedì sarà dentro o fuori e bisognerà dare tutto. I Block Devils potranno farlo di fronte alla propria gente in virtù del vantaggio del fattore campo meritato con il primo posto in regular season. Di facile nello sport, a maggior ragione quando si gioca per obiettivi così importanti, non c’è niente. Questa finale scudetto bisognerà guadagnarsela sul campo con sudore e con una grande prestazione, come è giusto che sia.

Perugia ha tutte le carte in regola per farlo. L’appuntamento per tutti è giovedì 19, ore 20:30, PalaEvangelisti. Per proseguire tutti insieme nel nostro sogno!

IL MATCH

Formazione tipo per Bernardi con Russell in diagonale con Zaytsev. Proprio lo Zar firma il primo punto del match (0-1). Due muri consecutivi di Trento (2-1). Capovolge un muro, stavolta di De Cecco, e la pipe di Zaytsev (2-4). Due di Kovacevic pareggiano (4-4). Avanti Trento con il muro di Lanza e l’errore di Podrascanin (8-6). Ace di Lanza (12-9). Perugia non riesce a mettere in crisi la ricezione avversaria e le distanze rimangono immutate (16-13). Ace di Podrascanin che accorcia (17-16). Out Atanasijevic (20-17). Dentro Berger per l’opposto serbo. Muro Zaytsev-Podrascanin (21-20). Splendido contrattacco di Russell e parità (21-21). Out Zingel (21-22). Hoag pareggia (22-22) e sorpassa (23-22). Ace millimetrico di Kovacevic e set point Trento (24-22). Chiude Kozamernik (25-22).

È Vettori a firmare il primo break del secondo set (3-1). Out Kozamernik e parità (5-5). In rete Anzani (7-5). Perugia non riesce a ricucire il gap (11-9). A segno Kovacevic (13-10). Altro muro su Atanasijevic che esce per Andric (16-12). Perugia non riesce a scalfire le sicurezze dei padroni di casa (21-18). Ci prova Berger e tener viva la Sir (23-22). A segno Lanza (24-22). Invasione del muro di casa (24-23). Maniout di Berger, si va ai vantaggi (24-24). Punto di Vettori (25-24). Grande difesa Diatec con Vettori che chiude (26-24).

3-1 Trento in avvio con l’errore di Russell. Ace del martello americano (4-4). Muro dello Zar, doppio ace di Anzani e Perugia va avanti (5-8). Manca continuità però ai Block Devils e Trento torna a contatto con il muro vincente su Berger (10-11). Ace beffardo di Lanza con l’aiuto del nastro e parità (12-12). Attacco ed ace di Berger (12-14). Muro e poi attacco di Vettori (17-16).

Invasione molto dubbia fischiata a Berger (19-17). Tante proteste e giallo alla panchina bianconera. Maniout di Vettori (22-20). Ace di Giannelli, tre match point Diatec (24-21). Chiude Hoag (25-23).

IL TABELLINO

DIATEC TRENTINO – SIR SAFETY CONAD PERUGIA 3-0

Parziali: 25-22, 26-24, 25-23

DIATEC TRENTINO: Giannelli 6, Vettori 11, Eder Carbonera 3, Kozamernik 6, Lanza 13, Kovacevic 8, De Pandis (libero), Zingel, Hoag 5, Chiappa (libero), Teppan. N.e.: Cavuto, Partenio. All. Lorenzetti, vice all. Petrella.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 1, Atanasijevic 5, Podrascanin 8, Anzani 5, Zaytsev 8, Russell 8, Colaci (libero), Berger 7, Shaw, Andric 2, Ricci. N.e.: Della Lunga, Cesarini (libero), Siirila. All. Bernardi, vice all Fontana.

Arbitri: Giorgio Gnani – Alessandro Tanasi

LE CIFRE – TRENTO: 16 b.s., 5 ace, 45% ric. pos., 25% ric. prf., 52% att., 9 muri. PERUGIA: 14 b.s., 6 ace, 44% ric. pos., 29% ric. prf., 45% att., 3 muri.